neurite ottica trattamenti e farmaci

La neurite ottica di solito c’è di meglio da sola. In alcuni casi, i farmaci steroidei sono utilizzati per ridurre l’infiammazione del nervo ottico. Possibili effetti collaterali prodotti dal trattamento con steroidi includono l’aumento di peso, cambiamenti di umore, mal di stomaco e insonnia.

Il trattamento con steroidi è di solito dato dalla vena (per via endovenosa). la terapia steroidea per via endovenosa può accelerare il recupero della vista, ma non sembra influenzare la misura in cui potrai recuperare la visione che hai perso. Il trattamento con steroidi è anche usato per ridurre il rischio di sviluppare la sclerosi multipla o rallentare il suo sviluppo.

Quando la terapia steroidea non riesce e grave perdita di visione persiste, una terapia di plasmaferesi trattamento chiamato può aiutare alcune persone a recuperare la loro visione. Tuttavia, gli studi non hanno confermato che la terapia lo scambio del plasma è efficace per la neurite ottica.

Se si dispone di neurite ottica, e si dispone di due o più lesioni cerebrali evidenti sulla risonanza magnetica, si potrebbe beneficiare di farmaci che aiutano a prevenire la sclerosi multipla. Questi farmaci iniettabili, tra cui l’interferone beta-1a (Avonex, Rebif) e interferone beta-1b (Betaseron, Betaferon), sono utilizzati per prevenire o ritardare lo sviluppo della sclerosi multipla nelle persone ad alto rischio di malattia.

Prevenire la sclerosi multipla

Prognosi

La maggior parte delle persone a riacquistare vicino alla visione normale entro 12 mesi dopo un episodio neurite ottica.

Le persone con sclerosi multipla o neuromielite ottica potrebbero avere un rischio maggiore di attacchi ricorrenti di neurite ottica. La neurite ottica può ricorrere a persone senza condizioni di base, ma queste persone in genere hanno una migliore prognosi a lungo termine per la loro visione di quanto non facciano le persone con sclerosi multipla o neuromielite ottica.